Spedizione gratuita per ordini superiori a € 90

Il tuo gatto è ostile?

Se anche tu hai un gatto, sicuramente ti sarà capitato almeno una volta di essere attaccato dal tuo piccolo amico a quattro zampe. Questo fenomeno è piuttosto comune e largamente riscontrato dai padroni degli stessi. 

Qui di seguito, proveremo a trovare alcune cause e possibili soluzioni per gestire al meglio questi piccoli incidenti di percorso: 

Ricerca di attenzioni

I gatti sono giocherelloni per natura. Trascorrono fino all’80% della loro giornata dormendo e, al loro risveglio, si aspettano sfrenato divertimento, esplorazione e caccia. Tieni a mente che quando un gatto ti graffia, molto probabilmente non vuole attaccarti. Al contrario, ti sta manifestando la necessità di trascorrere del tempo insieme per giocare. Quando questo accade, dunque, la soluzione più ottimale potrebbe essere quella di dargli più attenzioni.

Disturbo della quiete

Un altro possibile motivo per cui il tuo gatto potrebbe esserti ostile è dovuto al fatto di sentirsi in pericolo. A volte, infatti, il tuo gatto si potrebbe sentire intimidito o spaventato a causa di alcuni rumori e disturbi della sua quiete e tranquillità. Se viene interrotto o disturbato all’improvviso, infatti, questo potrebbe incanalare le sue energie negative verso la prima persona che incontra.

Mancanza della comfort-zone

Questa situazione è molto comune per i padroni che decidono di adottare un gatto randagio. Che si tratti di un cucciolo o di un gatto adulto, abituarsi ad una nuova casa non è mai una cosa semplice. Molto spesso, infatti, queste situazioni possono creare un grosso stress al gatto che, non trovandosi a proprio agio, può comportarsi in modo ostile nei tuoi confronti. È importante, dunque, creare una zona di comfort dove il tuo gatto si potrà sentire il benvenuto. 

Cause mediche

Se il tuo gatto non è giocoso per natura, un suo attacco potrebbe essere sintomo di un problema di salute. Se ti ritrovi in questa situazione, chiedi subito un parere al tuo medico al tuo veterinario di fiducia, per determinare insieme le ragioni del suo comportamento.

Alcuni consigli su come puoi riconoscere e determinare l’ostilità del tuo gatto.

Prima di tutto devi sapere che gli attacchi del tuo gatto non sono imprevedibili. Tuttavia, puoi determinare se questo abbia un intento aggressivo o meno dalla posizione del suo corpo e dall’atteggiamento del tuo gatto stesso. 

Dovrai imparare, quindi, a riconoscere le due posizioni principali che assume normalmente il gatto prima di un attacco.

Postura difensiva

Quando il tuo gatto assume una postura difensiva, si renderà più piccolo. Questo, infatti, gli permette di proteggersi da altri gatti, animali o persone dalle quali si sente minacciato. Nella maggior parte dei casi, questi attacchi sono inoffensivi e dovuti ad un sentimento di disagio dell’animale stesso. 

Postura offensiva

Le posture offensive sono quelle che si riconoscono per la posizione rigida e allungata che assume il gatto. In questo caso, il suo atteggiamento è intimidatorio in quanto si sente preso di mira o impaurito dal contesto all’interno del quale si trova. 

In ultimo, cerca sempre di comprendere le motivazioni per le quali il tuo gatto si dimostra ostile nei tuoi confronti. Questo aiuterà e concorrerà alla creazione di un ambiente sicuro e sereno tra le mura domestiche. Nel caso in cui, invece, gli episodi di aggressività persistano, ricorda di chiedere sempre un parere medico al tuo veterinario di fiducia!

Hai trovato interessante questo contenuto? Lascia un commento, ci piacerebbe ascoltare la tua opinione a riguardo!

[block id=”newsletter-novapets”]

Lascia un commento